Miracolo a Noto, riapre la cattedrale

Niente acciaio né cemento. La chiesa siciliana è stata ricostruita con tecniche e materiali d’altri tempi. E già svela la sua magnificenza.

Marmo o pietra di Modica? Il dubbio che tormenta gli abitanti dei vicoli color oro di Noto riguarda il pavimento della cattedrale: sarà meglio rifarlo in stile Novecento o alla maniera settecentesca? Una parte della città, schierata con Salvatore Bellomia, il parroco della chiesa, vuole il marmo. Il resto del paese invece sta con i progettisti e spera nella pietra di Modica: bianca, porosa, indistruttibile.La controversia porta con sé vivaci dibattiti, petizioni popolari, atmosfere pirandelliane, ma soprattutto una certezza: la riapertura del duomo simbolo del Barocco siciliano è questione di mesi, visto che il nuovo pavimento sarà posato alla fine del restauro.Lontanissimi i periodi delle polemiche, pur sacrosante, che seguirono il crollo della cupola e della navata destra: i fondi inadeguati, i pochi operai, i capitelli finiti in una discarica, le imprese litigiose che bloccarono i lavori. Acqua passata: la cattedrale di Noto rinascerà ad aprile.L’interno e l’esterno della chiesa sono ancora in parte avvolti dalle impalcature. La facciata però è già libera dai tubi d’acciaio e già svela tutto il suo incanto.

LEGGI LA NOTIZIA INTEGRALE: http://archivio.panorama.it/…

FONTE: Panorama

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *